Sketch your city of Hope – asta benefica

Giovedì 18 giugno abbiamo avuto l’onore di partecipare alla serata conclusiva del progetto Sketch your city of Hope in favore della Fondazione Città della Speranza, in rappresentanza degli artisti Guim Tiò e Conrad Roset che hanno lavorato attivamente al progetto dipingendo l’opera “Una Cara”

Crediti fotografici @Marco Bello

Ringraziamo gli organizzatori della serata e dell’intero progetto, in particolar modo Cristina Bigliatti, qui di seguito il comunicato dell’asta benefica svoltasi nella sede Oikos di Cologno Monzese (MI)

Sketch your City of Hope – 20.000 euro raccolti per la Fondazione Città della Speranza
Giovedì 18 giugno sono stati battuti all’asta i 9 capolavori dipinti sui vasi Tera con colori
Oikos, in favore della Fondazione Città della Speranza, che aiuta i bambini colpiti da
leucemia.
In occasione della settimana del Salone del Mobile, importantissimi nomi del mondo
dell’architettura e dell’arte si sono riuniti, donando il proprio tempo e le proprie abilità artistiche per una performance live durante la quale hanno decorato 9 vasi in polietilene firmati Tera, utilizzando colori ad acqua Oikos.
Ieri sera, presso lo Spazio Oikos di Cologno Monzese, si è tenuta la presentazione del progetto
Sketch your City of Hope, durante la quale sono intervenuti gli artisti e architetti autori dei
vasi che hanno raccontato il concept delle proprie opere, seguiti dagli interventi di Alan
Martelozzo, Direttore Generale Oikos, e di Alice Xompero, Presidente Tera. Franco Masello,
Presidente della Fondazione Città della Speranza, ha spiegato gli obiettivi concreti della raccolta
fondi grazie alla quale la Fondazione è riuscita a raggiungere obiettivi molto importanti.
Masello ha inoltre raccontato che è proprio grazie a tutti i volontari che hanno sostenuto la
Fondazione se oggi Città della Speranza è una struttura di così grande importanza a livello
internazionale.
Il Presidente ha parlato anche di un nuovo progetto rivolto agli imprenditori italiani; si chiama
100x100x3 e ha l’obiettivo di trovare almeno 100 imprese che investano 100 mila euro per tre
anni per supportare il centro di ricerca pediatrica Città della Speranza.
A moderare il talk-show, l’architetto e conduttrice televisiva Paola Marella.
La serata è proseguita con l’asta di beneficenza battuta da Marco Arosio, il cui ricavato di 20.000
euro verrà interamente devoluto alla Fondazione Città della Speranza e servirà per finanziare
quasi interamente il lavoro di un ricercatore per un intero anno.

Crediti fotografici @ilmaestromargherita