Archivio mensile:giugno 2015

Loppis BoulevArt 2015

BOLUEVART-2015Sabato 27 giugno, la sesta edizione di BoulevArt, il Festival delle Arti in strada torna ad invadere le vie del centro storico e quest’anno si sposta in via Farini, via Sauro, via Maestri, borgo Giacomo Tommasini e via XXII Luglio. Dalle 19 alle 24, performance, esposizioni, progetti e workshop.

L’arte come “anima”, le idee come “forza”, la strada come location libera dagli schemi. La creatività come spinta a innovare, a non fermarsi, a sfidare la crisi. È questa l’energia di BoulevArt, il Festival delle Arti in strada, che torna sabato 27 giugno, quest’anno sotto il marchio Ascom Parma Viva, ad invadere il centro storico cittadino. BoulevArt è un’idea divenuta realtà grazie all’Assessorato al Benessere e alla Creatività Giovanile del Comune di Parma e la casa editrice Edicta.

Set fotografici, gallerie d’arte a cielo aperto, i borghi come scenografie naturali per performance musicali e di danza, dove il palco si annulla, la gente viene coinvolta a vivere l’arte e a conoscerne le varie forme.

Per maggiori info www.boulevartparma.it e www.facebook.com/boulevartparma

LOPPIS partecipa a Boulevart con un’installazione ideata da Eleonora Deidda, titolare di Loppis, con le sculture di Alice Zanin in Piazzale del Carbone, Parma.

Sketch your city of Hope – asta benefica

Giovedì 18 giugno abbiamo avuto l’onore di partecipare alla serata conclusiva del progetto Sketch your city of Hope in favore della Fondazione Città della Speranza, in rappresentanza degli artisti Guim Tiò e Conrad Roset che hanno lavorato attivamente al progetto dipingendo l’opera “Una Cara”

Crediti fotografici @Marco Bello

Ringraziamo gli organizzatori della serata e dell’intero progetto, in particolar modo Cristina Bigliatti, qui di seguito il comunicato dell’asta benefica svoltasi nella sede Oikos di Cologno Monzese (MI)

Sketch your City of Hope – 20.000 euro raccolti per la Fondazione Città della Speranza
Giovedì 18 giugno sono stati battuti all’asta i 9 capolavori dipinti sui vasi Tera con colori
Oikos, in favore della Fondazione Città della Speranza, che aiuta i bambini colpiti da
leucemia.
In occasione della settimana del Salone del Mobile, importantissimi nomi del mondo
dell’architettura e dell’arte si sono riuniti, donando il proprio tempo e le proprie abilità artistiche per una performance live durante la quale hanno decorato 9 vasi in polietilene firmati Tera, utilizzando colori ad acqua Oikos.
Ieri sera, presso lo Spazio Oikos di Cologno Monzese, si è tenuta la presentazione del progetto
Sketch your City of Hope, durante la quale sono intervenuti gli artisti e architetti autori dei
vasi che hanno raccontato il concept delle proprie opere, seguiti dagli interventi di Alan
Martelozzo, Direttore Generale Oikos, e di Alice Xompero, Presidente Tera. Franco Masello,
Presidente della Fondazione Città della Speranza, ha spiegato gli obiettivi concreti della raccolta
fondi grazie alla quale la Fondazione è riuscita a raggiungere obiettivi molto importanti.
Masello ha inoltre raccontato che è proprio grazie a tutti i volontari che hanno sostenuto la
Fondazione se oggi Città della Speranza è una struttura di così grande importanza a livello
internazionale.
Il Presidente ha parlato anche di un nuovo progetto rivolto agli imprenditori italiani; si chiama
100x100x3 e ha l’obiettivo di trovare almeno 100 imprese che investano 100 mila euro per tre
anni per supportare il centro di ricerca pediatrica Città della Speranza.
A moderare il talk-show, l’architetto e conduttrice televisiva Paola Marella.
La serata è proseguita con l’asta di beneficenza battuta da Marco Arosio, il cui ricavato di 20.000
euro verrà interamente devoluto alla Fondazione Città della Speranza e servirà per finanziare
quasi interamente il lavoro di un ricercatore per un intero anno.

Crediti fotografici @ilmaestromargherita

Sketch your City of Hope – asta benefica

invito Sketch your City of Hope - asta benefica

invito Sketch your City of Hope – asta benefica

La galleria Loppis OpenLab è lieta di invitarvi all’asta di benefica a favore della Fondazione Città della Speranza, che si terrà domani sera alle ore 19.00 presso lo spazio Oikos a Cologno Monzese, via Ingegnoli 28.

Durante la serata verranno presentati e battuti all’asta i 9 vasi Tera realizzati con i colori Oikos da artisti e architetti di fama internazionale.

Cinzia Anguissola, Luca Scacchetti, Alessandro Palmarini & LPArchitecture, Bernard Khoury di DW5, Andrea Boschetti di Metrogramma, Luisa Bocchietto, Victor Togliani, SeaCreative e il fantastico duo Van Coniguim hanno dato vita a delle vere e proprie opere d’arte tutte ispirate al concetto di Città della Speranza, il cui valore andrà totalmente devoluto in beneficienza all’omonima Fondazione.

La Fondazione Città della Speranza, creata nel 1994 a Malo (VI), opera nell’ambito delle cure e della ricerca pediatrica attraverso un modello innovativo di alleanza tra imprenditori, volontari, medici e ricercatori. Dopo aver realizzato il nuovo reparto di oncologia pediatrica dell’Ospedale di Padova, Fondazione continua il suo impegno inaugurando l’Istituto di Ricerca Pediatrica Città della Speranza, che con i suoi 17.500 mq è il più grande centro di ricerca sulle malattie infantili d’Europa, nel quale collaborano più di 60 ricercatori.

Noi di Loppis OpenLab avremo il piacere di rappresentare gli artisti Guim Tiò Zarraluki e Conrad Roset che hanno partecipato all’iniziativa con l’opera “Una cara“, lavorando a quattro mani come per il progetto Van Coniguim appena presentato da noi in galleria.

immagine cara van coniguim

Clicca qui per il video dell’evento

Se volete proporre un’offerta per uno dei vasi in asta ma non avete la possibilità di essere presenti domani sera scriveteci una mail a loppisgallery@gmail.com con il vostro contatto, vi chiameremo in sede d’asta per il rilancio.

A domani sera!

sketch-your-city-of-hope-9-pezzi-unici-battuti-allasta-a-milano-arte-architettura-ed-impresa-unite-per-la-ricerca_Platform

Sembianze

La Galleria Loppis OpenLab collabora alla realizzazione della mostra SEMBIANZE, a cura di Stefani Cognata.

La mostra sarà visitabile dal 6 al 26 giugno 2015 nel centro storico di Parma, in Borgo Riccio 16.

Vi aspettiamo all’inaugurazione, sabato 6 giugno dalle ore 18.00 in avanti!

Invito Mostra Sembianze parma

SORTILEGIO è un flirt artistico, ludico e nottambulo nato tra l’Associazione Culturale Made in Art e Fogg Art Photo Gallery. Un filo creativo legherà le due rispettive sedi, con l’intento di donare ai cittadini la possibilità di vivere l’arte tra le vie del centro di Parma.

SABATO 6 GIUGNO – all’interno dell’evento Sortilegio – l’Associazione Culturale Made in Art raddoppia lo spazio e apre in centro. Presso la sede di Borgo Riccio Sedici avrà luogo la mostra Sembianze, curata dalla giovane curatrice Stefani Cognata.

La mostra presenterà le opere di Giorgio Tentolini | Fabrizio Corbo, Giorgio Pignotti, Matteo Sclafani e Van Coniguim – nome del duo artistico formato da Guim Tiò Zarraluki e Conrad Roset. In un’ottica di apertura culturale e in sinergia con un contesto più ampio, l’esposizione accoglie panorami artistici e geografici diversi. Grazie a queste molteplici weltanschauung, la mostra riflette i modi differenti in cui il tema dell’esposizione può essere interpretato. Appariranno così forme come suggerimenti di qualcosa che esiste ma che si rivela nella sua ombra. Movimenti arborei che in una metamorfosi definisco i loro tratti umani. Adombramenti ed emersioni di immagini stratificate, in presagio di rivelazione. Segni reali di tratti somatici spogliati dal filtro virtuale, rivestiti di una rinnovata intimità.

Essere scambiati e scambiare, sembrare uno ed essere altro, sembrare uno ed essere tanti, diventa l’enigma da risolvere. La riflessione sul sembiante porterà, in conclusione, ad immortalare l’essere in un ritratto autentico dell’io.

Questi i pensieri che emergono nelle stanze della sede espositiva di Borgo Riccio Sedici – spazio sfitto in cerca d’autore, temporaneamente plasmato da forme d’arte. Al termine della mostra, nella stanza più (im)probabile, sarà presentata la fanzine C.A.C.C.A.

Mostra realizzata in collaborazione con C.A.C.C.A. e Galleria Loppis OpenLab, e con contributo di Soqquadro.

Borgo Riccio Sedici | Where Art Meets Office

borgo Riccio da Parma, 16 – 43121 Parma

Orari di Apertura: venerdì 21:00-24:00 e sabato 16:30-19:30

 

In mostra:

Giorgio Tentolini (1978, Casalmaggiore) Compie i primi studi in Arti Grafiche presso l’istituto d’Arte P. Toschi di Parma, successivamente si diploma in Design e Comunicazione a Reggio Emilia. Dopo tirocini formativi in atelier di artisti e designer, come Marco Nereo Rotelli e Denis Santachiara, nel 2002 inizia la sua attività di grafico e illustratore per case e riviste di moda. Negli stessi anni prende avvio la sua attività artistica con installazioni su base fotografica grazie alle quali ottiene riconoscimenti significativi in esposizioni nazionali e internazionali.

Fabrizio Corbo (1994, Sessa Auranca -Caserta) Diplomato in Fashion Design all’LISA G. Chierici di Reggio Emilia. In seguito alla vincita del Primo Premio al concorso Giulia Maramotti, inizia la sua carriera lavorativa come stilista all’interno del gruppo Max Mara. Contemporaneamente porta avanti la sua ricerca artistica realizzando sculture in pasta sintetica, che l’hanno portato a riconoscimenti internazionali con Primi Premi ai concorsi Dabida Day 2015 – con esposizione al Nationaal Klok & Peel Museum (Asten) – e Colliii Awards 2012.

Guim Tiò Zarraluki (1987, Barcellona) Diplomato alla scuola Sùnion di Barcellona, espone giovanissimo in gallerie internazionali come WWA Gallery (California), KAREN Contemporary Artspace (Australia), Miscelanea Gallery (Barcellona), Fifty 24MX Gallery (Mexico), Iam Gallery (Madrid), Young Art (Taipei), Kaoshing (Taiwan). In Italia la sua prima personale è alla Galleria Loppis nel 2013.

Conrad Roset (1984, Barcellona) Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Barcellona inizia a lavorare come illustratore freelance per diversi marchi, riviste e agenzie pubblicitarie. Espone i suoi lavori in gallerie e musei internazionali come il MOMA (Virginia), Spoke Art (San Francisco), London Miles (Londra), Tipos Infames (Madrid) e Artevistas y Miscelanea (Barcellona). Insegna Illustrazione alla Scuola di Design BAU.

Giorgio Pignotti (1979, Ascoli Piceno) Diplomato in pittura nell’Accademia di Matera. Le ultime esposizioni si sono tenute presso MCdA/Gallerie Marconi, +Bello Store (Macerata) e SetUp (Bologna). Nel 2012 ha esposto nel Padiglione Accademie della 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia. Ha ottenuto riconoscimenti in diversi concorsi come Premio Combact, Premio Mantegna, Damprize e 2000 Maniacs, ArtVerona 2014. Vive e lavora ad Ascoli Piceno.

Matteo Sclafani (1993, Parma) Dopo il diploma scientifico inizia il suo percorso artistico da autodidatta. Lavora nel suo atelier a Parma e frequenta la bottega d’arte di famiglia. Recentemente ha esposto a Milano presso il SIAM e il Circolo Rossini 3, a Berceto nel Museo Pier Maria Rossi, a Roma in occasione dell’Esposizione Triennale di Arti Visive 2014.

C.A.C.C.A. Acronimo di Cose A Caso Con Attenzione, C.A.C.C.A. è una fanzine indipendente e partecipativa, un progetto culturale dove prendono forma disegni, fotografie, poesie, saggi, illustrazioni dalle mani dei più svariati creativi. Ogni numero ruota attorno ad una parola chiave, scelta in maniera democratica sui social network, e un colore cardine. Con questi due unici vincoli possono lavorare tutti i partecipanti che si iscrivono al gruppo aperto che si trova su facebook.